Giada Papucci

Home/Giada Papucci
Giada Papucci 2017-05-19T20:28:44+00:00

giada-papucci

  • Amo l’agricoltura e ho passione per la terra

  • Mia madre mi ha portato nei campi fin da quando “viaggiavo in passeggino”

  • Lo zafferano si adatta bene alla mia esperienza da artigiana

  • Ho imparato e sto imparando ( e non finirò mai di farlo) il mondo dell’apicoltura

  • la naturale evoluzione dell’azienda sarà per tutti una sorpresa.

Giada Papucci

Salve giada, raccontaci qualcosa su di te, dove s’è nata, e le tue esperienze trascorse.

Sono una lucchese Doc e fin da piccola ero affascinata dal lavoro che i miei nonni facevano con tanta fatica e davano la possibilità a tutta la famiglia di riunirsi ogni sera e mangiare quello che la terra donava.
I miei nonni vendevano i prodotti agricoli al mercato di Lucca e coltivavano granoturco, producevano vino e olio e allevavano animali da cortile e qualche bovino. Mi piaceva dare una mano durante i raccolti o nelle stalle, era divertente. Ricordo che giocavo, mentre la mia famiglia lavorava, nelle fosse che circondavano i e tornavo a casa sempre sporca di terra. Mia madre mi ha portato nei campi fin da quando “viaggiavo in passeggino”.
Amavo la libertà e l’indipendenza economi. Infatti ho iniziato a lavorare molto giovane in un’azienda che faceva abbigliamento artigianale. Era un lavoro molto interessante perché riuscivo a mettere tutta la mia passione e creatività.
Ho lavorato molti anni in questo settore e avevo sempre l’hobby di lavorare la terra. Ma dopo la crisi aziendale mi sono dedicata alla grande distribuzione dove ho imparato a gestire i rapporti con la clientela e a farla parte di un film molto dinamico e ho imparato a gestire le tantissime attività che il mondo della grande deve svolgere per offrire un buon servizio al cliente. Ho abbandonato per un po’ il mondo agricolo. Ma il mondo della GDO mi stava stretto e avevo bisogno di ritornare alle mie origini. Non riuscivo a fare a meno di lavorare nei campi e il pensiero di veder abbandonato il progetto di una azienda agricola non mi piaceva.
Dopo la morte dei nonni e con l’aiuto della mia famiglia ho preso la decisione di riportare a nuova vita i campi che per tanto tempo ci avevano sostenuto.

Com’è nata l’idea dello Zafferano?

Quando ero piccola e divertivo a raccogliere i crocus che all’inizio della primavera nascevano sulla collina dove ci sono gli ulivi e mi piaceva l’idea di poter mettere su un’azienda che facesse fiori. Avevo il problema che l’estensione dei nostri campi non era elevata per cui avevo bisogno di una idea che fosse realizzabile in poco spazio.

Analizzando tutte le possibili coltivazioni che potevamo iniziare, con il mio compagno, abbiamo individuato lo zafferano come una ottima coltivazione. Da lì sono partiti gli esperimenti.

Lo zafferano è una coltivazione che si adatta bene alla mia esperienza da artigiana perché la lavorazione è  tutta manuale e gli stimmi vanno confezionati in una confezione (scusate il gioco di parole) artigianale cosicché è possibile enfatizzare le caratteristiche visive dello Zafferano.

È difficile coltivare lo zafferano ? Quali difficoltà hai incontrato durante l’inizio di quest’avventura?

Lo zafferano non è difficile da coltivare ma bisogna, come tutte le coltivazioni, stare attenti a tutte le  difficoltà che possono nascere dalla cattiva gestione dell’impianto. Il problema dello Zafferano è sta nel fatto che il lavoro più grande si concentra in pochi periodi dell’anno e spesso la manodopera qualificata per ottenere un prodotto di qualità non si trova perché lo zafferano e tanto affascinante quanto sconosciuto. Un’azienda piccola non può sostenere lo sforzo di portare sulle spalle tutta la burocrazia a cui siamo sottoposti. Trascorso almeno 1 ora al giorno a sistemare carte per non parlare di quando ho iniziato. Non conoscevo i requisiti per avviare l’attività. Mi rivolsi, quindi, in un ufficio pubblico di competenza e chiesi:” Salve, vorrei iniziare a coltivare zafferano e aprire un’azienda agricola, quali sono gli adempimenti previsti?”. La risposta?
“Buongiorno signora, noi non sappiamo nemmeno come è fatta la pianta dello zafferano, si rechi in quell’altro ufficio”. Da lì è partita la mia avventura.

E l’apicoltura?

Ho sempre amato gli animali, ho sempre avuto un animale domestico, allevavo animali da cortile e una volta capito come coltivare lo zafferano e aperta l’azienda, volevo qualcosa in più, qualcosa che mi desse la soddisfazione di avere la possibilità di contribuire al benessere della mia terra. L’apicoltura è stata la scelta obbligata perché si adatta bene alle pause di lavorazione dello Zafferano e poi il fascino di un mondo così ambiguo come quello delle api mi ha dato lo stimolo per imparare qualcosa di nuovo. Ho imparato e sto imparando ( e non finirò mai di farlo) ad allevare questi stupendi animali dall’esperienza degli apicoltori Lucchesi, molto bravi a fare il loro mestiere e ad insegnare il lavoro a noi della nuova generazione.
È un mondo difficile ma anche molto stimolante e questo mi dà la spinta ogni giorno per fare sempre qualcosa di più rispetto a ieri.
Con le api non puoi programmare nulla, quando pensi di aver fatto bene, lo ricordano che hanno sempre bisogno delle tue cure però si sanno anche di pagare con dei prodotti meravigliosi. Lo zafferano fa come vuole, lo pianti al centro della proda e poco dopo te lo ritrovi di lato. Non puoi farci nulla.

Quali progetti hai per il futuro?

Attualmente sto cercando di ampliare la produzione apistica e stabilizzare in modo permanente la produzione dello Zafferano. Abbiamo diversi progetti aperti, di idee per qualche brevetto e la naturale evoluzione dell’azienda sarà per tutti una sorpresa.
In tutto questo si inserisce la mia famiglia la quale senza il supporto non sarei mai riuscita a costruire tutto questo.

Scopri Tutti i Nostri Prodotti

ENTRA NEL NEGOZIO ON LINE

I NOSTRI POST RECENTI

Come spiantare i bulbi di zafferano – Escavatore a Pettine

luglio 21st, 2017|0 Comments

Oggi siamo in campo per farvi vedere come [...]

Gnocchi Acqua e Farina e Zafferano

luglio 14th, 2017|0 Comments

Il Piatto UNA RICETTA SEMPLICE E SAPORITA PER UNA PERSONA [...]

Gnocchi Acqua e Farina e Zafferano

luglio 14th, 2017|0 Comments

Il Piatto UNA RICETTA SEMPLICE E SAPORITA PER UNA PERSONA [...]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL